CANALE YOUTUBE

giovedì 3 agosto 2017

News: Il generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica, e rivale del premier Fayez al Sarraj, malgrado l’apparente intesa raggiunta in Francia ospiti del presidente Emmanuel Macron, avrebbe ordinato alle sue forze aeree di bombardare qualsiasi nave militare italiana entrata nelle acque territoriali libiche su richiesta di Sarraj. Lo riferisce la rete Al Arabiya, secondo la quale dall’attacco verrebbero escluse solo le navi commerciali.





Notizia Pubblicata da: lastampa.it/









News: Il generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica, e rivale del premier Fayez al Sarraj, malgrado l’apparente intesa raggiunta in Francia ospiti del presidente Emmanuel Macron, avrebbe ordinato alle sue forze aeree di bombardare qualsiasi nave militare italiana entrata nelle acque territoriali libiche su richiesta di Sarraj. Lo riferisce la rete Al Arabiya, secondo la quale dall’attacco verrebbero escluse solo le navi commerciali. 


Proprio oggi è giunta nelle acque libiche diretta a Tripoli la nave «Comandante Borsini» dopo aver ricevuto le necessarie autorizzazioni. Si tratta di un pattugliatore d’altura inviato con compito di ricognizione in vista della missione italiana a supporto della Guardia costiera libica nel contrasto al traffico di esseri umani. 
Il parlamento di Tobruk che fa capo a Karifa Haftar, aveva espresso in giornata forti critiche al governo di Fayez Sarraj, riconosciuto a livello internazionale, per aver concluso l’accordo con gli italiani: la presenza di navi straniere nel mare libico «sarebbe una violazione della sovranità del paese», secondo Tobruk. 
«Inattendibile» e «infondata». Così fonti governative italiane hanno commentato all’AGI la notizia di minacce all’Italia da parte del generale Khalifa Haftar. Le stesse fonti sottolineano poi che la richiesta di intervento di supporto e accompagnamento militare italiano è venuta dalle autorità libiche riconosciute in ambito internazionale, dall’Onu (per l’appunto il governo di Fayez al-Sarraij), ma l’Italia è presente anche in altra zona di quel Paese, come Misurata, che è sotto il controllo di altra fazione. Lì c’è personale militare sanitario che sta conducendo l’Operazione `Ippocrate´, con l’allestimento di un ospedale per la cura di libici - civili e militari - feriti. E inoltre sono già decine i libici feriti che da Misurata sono stati trasferiti in Italia negli ospedali militari del Celio, a Roma, e in quello di Milano perché necessitavano di cure più complesse e prolungate. Un motivo in più - si fa rilevare - per ritenere inattendibile la notizia di questo ordine di attacco da parte del generale Ha 



Nessun commento:

Posta un commento