CANALE YOUTUBE

giovedì 27 luglio 2017

SUI VITALIZI HA VINTO " M5S VI SPIEGO IL PERCHÉ " AL SENATO QUESTA LEGGE DOVRÀ PASSARE PER FORZA, SE NON PASSA I 5 STELLE AVRANNO IN MANO LA CARTA PER VINCERE L'ELEZIONI POLITICHE "



Fonte articolo qui



Stop ai vitalizi anche per gli ex parlamentari e applicazione della legge Fornero, ma solo a partire dalla prossima legislatura. Sono le principali novità' della pdl Richetti sui vitalizi che, tra qualche rallentamento e contenzioso sulla 'paternita'' della legge, alla fine e' stata approvata - tra cori e applausi - dall'aula della Camera con 348 si', 17 no e 28 astenuti. A votare a favore sono stati Pd, M5S, Lega, Fdi e Scelta civica. Contrario Ap; Mdp si e' astenuto mentre Forza Italia non ha partecipato al voto. Un primo passo verso l'abolizione anche se dopo il via libera di Montecitorio il provvedimento dovra' superare lo scoglio del Senato per diventare legge ed entrare in vigore effettivamente. Molti temono infatti che a Palazzo Madama la legge si possa arenare e che non venga approvata, e finisca soltanto per diventare argomento di propaganda in campagna elettorale. I vitalizi in pagamento adesso riguardano 2.600 ex parlamentari per un ammontare di 230 milioni all'anno; mentre le Regioni hanno speso altri 175 milioni. Con il ricalcolo contributivo, lo Stato risparmierebbe 76 milioni all'anno per i vitalizi dei parlamentari e altri 60 per i vitalizi regionali. La pdl che porta la firma del dem Matteo Richetti, e che prevede quindi il sistema contributivo per tutti i parlamentari compresi quelli passati e naturalmente quelli futuri, in realta' e' stata appoggiata sin dall'inizio dai 5 Stelle che hanno rivendicato di essere i promotori nel merito della proposta dal momento che, come hanno ripetuto piu' volte, pur di votare l'abolizione dei vitalizi per gli ex parlamentari hanno rinunciato alla loro proposta di legge prima firmataria Roberta Lombardi e hanno votato a favore di quella del Pd. Una legge 'bandiera' per i pentastellati che fino all'ultimo non hanno voluto sfilarsi, nonostante alcune sfumature diverse nel testo. Come ad esempio l'applicazione della legge Fornero: in aula Luigi Di Maio, illustrando un suo emendamento, aveva sollecitato l'estensione della Fornero anche ai parlamentari attualmente in carica. Ma l'Assemblea ha bocciato tale ipotesi e la Fornero sara' applicata solo a partire dalla prossima legislatura. In aula qualche tensione si e' registrata tra M5S e Pd anche per lo slittamento dei tempi: un accordo tra i gruppi parlamentari prevedeva l'approvazione della pdl entro le 14, ma a causa dei numerosi interventi dei deputati non e' stato rispettato. Dopo accuse reciproche di ostruzionismo, tra Danilo Toninelli (M5S) e Ettore Rosato (Pd), e una conferenza dei capigruppo, il via libera e' arrivato con qualche ora di ritardo.

Soddisfatti i 5 Stelle. Alessandro Di Battista su Facebook ha esultato: "Abbiamo battagliato, non abbiamo mai mollato e siamo riusciti a portare il Pd sul nostro campo obbligandolo (questo fa l'opposizione) a toccare quei privilegi che mai in passato aveva avuto il coraggio di toccare. Sono davvero contento. Il primo round va al Popolo italiano. Occhio pero' che manca il secondo round, ovvero l'approvazione di questa legge anche al Senato. Se la maggioranza avrà' la volontà' la legge verrà' approvata in pochissimo tempo. Noi, come abbiamo sempre fatto, gli soffieremo sul collo!". Di Maio in dichiarazione di voto ha rivendicato: "E' un giorno storico. Questa e' una vittoria del Movimento 5 Stelle". Ma esprime soddisfazione anche il Pd con il capogruppo dem Ettore Rosato che ha sostenuto che "anche Nilde Iotti oggi voterebbe con noi per l'abolizione di questo privilegio. Stiamo adeguando la politica a un mondo diverso". E poi ha ribadito: "Non abbiamo corso dietro all'antipolitica; abbiamo fatto una cosa importante e anzi abbiamo tirato su la testa mettendoci in sintonia con il paese che ci chiede sobrieta' e ci chiede di essere i primi a fare i sacrifici. Questa e' una legge giusta e ci batteremo anche in Senato per l'approvazione definitiva" ha assicurato Rosato. Anche Giorgia Meloni che ha rivendicato, pur non volendo partecipare alla "querelle, a questa gara tra Pd e M5S" di aver chiesto "per primi la calendarizzazione di una norma che chiedeva il ricalcolo con il sistema contributivo delle pensioni oltre i 5mila euro e fummo spernacchiati da tutti, dal Pd al Movimento 5 stelle". Mentre il gruppo di FI, contrario alla pdl per il rischio di incostituzionalità', alla fine ha deciso di non partecipare al voto perché', ha spiegato in aula Simone Baldelli, "e' scritta male, con i piedi" e "se si sa che una cosa e' incostituzionale e sarà' abolita, allora non la si faccia: si eviti di prendere in giro i cittadini raccontando balle". E l'azzurro Francesco Paolo Sisto aveva sottolineato che "Forza Italia per prima ha riformato i vitalizi, portandoli al sistema contributivo" con la riforma nel 2012 e che la posizione di oggi "non ha niente a che fare con il contenuto ma riguarda la sua chiara ed evidente incostituzionalità'". Del resto sono stati in molti, tra coloro che si sono detti contrari alla pdl Richetti, a sottolineare il pericolo di ricorsi alla Corte Costituzionale da parte degli ex parlamentari, che si vedono toccati dei diritti acquisiti. Rischio che potrebbe trasformare tutto questo in un nulla di fatto, sempre che il testo venga approvato in via definitiva al Senato entro la fine della legislatura.

Nessun commento:

Posta un commento