CANALE YOUTUBE

lunedì 24 luglio 2017

La sottosegretaria Boschi annuncia 9,5 miliardi. Ma dal 2014 sono stati rendicontati 450 milioni di interventi" Mi Porge Spontanea la Domanda che fine hanno fatto gli altri Soldi? "



Notizia Pubblicata da: ilFattoquotidiano.it




Le foto sorridenti di Maria Elena Boschi, le immagini delle scuole nuove di zecca (spicca, guarda caso, quella di Sesto Fiorentino, casa Renzi praticamente) e una cifra iperbolica: 9,5 miliardi di euro per l’edilizia scolastica. Uno dei cavalli di battaglia del vecchio governo Renzi, e pure del nuovo Gentiloni a quanto pare. Ma la realtà dei 42mila istituti scolastici del nostro Paese è molto diversa. I soldi fin qui spesi sono pochi e per lo più prestiti della Banca europea o vecchi fondi Pon che arrivano da Bruxelles. Con le solite difficoltà sulla tabella di marcia, dovute a problemi di vario genere, dai ritardi nei bandi all’apertura dei cantieri. Così a fronte degli oltre 5mila interventi già conclusi dichiarati dal governo, molto è ancora da fare: negli ultimi tre anni è stato speso appena un terzo delle risorse previste.

L’edilizia scolastica è sempre stata uno dei temi preferiti di Matteo Renzi: l’ex premier aveva promesso 4 miliardi di euro al momento del suo insediamento nel 2014. Oggi quei fondi sono più che raddoppiati: in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, Maria Elena Boschi, insieme alla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, ha annunciato che il piano raggiungerà nei prossimi anni quota 9,5 miliardi. In teoria.

Molto più difficile è capire quante di quelle risorse siano state effettivamente utilizzate. Anche perché il programma si articola in una marea di azioni e fonti di finanziamento differenti, di cui è quasi impossibile venire a capo: “scuole nuove” o “innovative”, “sicure” o “antisismiche”; fondi Pon, Fsc, Bei, Kyoto e chi più ne ha più ne metta. Per fare ordine nel 2013 era stato costituito il “Fondo unico per l’edilizia scolastica”, che però ancora stenta a decollare. Basti pensare che per i prossimi anni risulta quasi completamente vuoto: dal ministero assicurano che verrà rifinanziato ad inizio 2018, ma per il momento la dotazione è di soli 20 milioni.



Edilizia scolastica, piano da 9,5 miliardiMa i conti del governo non tornanoIn 3 anni rendicontati solo 440 milioni

Nessun commento:

Posta un commento