CANALE YOUTUBE

martedì 20 giugno 2017

VIDEO: RICORDATE LA PROMESSA DI MATTARELLA E GENTILONI AI TERREMOTATI " NON VI LASCEREMO SOLI. " ASCOLTA LA VOCE DEL SINDACO E DEI CITTADINI "








Avevano promesso. Le istituzioni avevano promesso. Il governo Renzi prima, il governo Gentiloni poi, i governatori regionali. Tutti. Hanno fatto credere agli abitanti del cratere più vasto della storia del nostro Paese - 131 comuni in quattro Regioni - che "presto" sarebbero tornati a una vita, tutto sommato, accettabile. Che "presto" sarebbe finita. Dieci mesi dopo, invece, non è nemmeno cominciata: le macerie sono a terra, di casette ne sono arrivate pochissime, la ricostruzione è un miraggio.

Una volta c'era "il modello Bertolaso" che, in nome della rapidità, calpestava regole e aggirava i controlli: la somma urgenza invocata per qualsiasi cosa, i Grandi Eventi, le deroghe, le ordinanze di Protezione civile firmate direttamente dal Presidente del consiglio. E abbiamo visto con quale facilità si sono inseriti speculatori e corruttori all'Aquila, al G8 della Maddalena, ai mondiali di nuoto del 2009. Ora, in una sorta di contrappasso, siamo precipitati nel "modello Burocrazia": il cavillo, la carta bollata, l'indecisione spaventata di chi negli enti pubblici pretende dieci autorizzazioni anche solo per puntellare un muro. "Non si può fare più in fretta", vanno dicendo a Roma i tecnici della Struttura di Missione della Presidenza del consiglio. "Le normative sono quello che sono e il cratere è troppo grande". Sventolano mappe, leggi, ordinanze. Fanno confronti. "Ci sono 208.000 abitazioni da verificare e non abbiamo ancora finito: dopo il terremoto dell'Aquila ne avevamo 75.000, in Emilia 42.000. Vi rendete conto?".

UNDICI PASSAGGI PER UN PREFABBRICATO - "Vi rendete conto?", si chiede il sindaco di Visso, Giuliano Pazzaglini. Per accedere alla zona rossa del suo paese deve attraversare una capanna accanto alla pasticceria vissana. "In sette mesi dovevano arrivare le casette di legno ", mormora. "Mica me lo sto inventando, c'è scritto sul sito della Protezione Civile. Sapete quante ne abbiamo viste a Visso? Zero".

 

 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO COMPLETO SUI TERREMOTATI  

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento