venerdì 30 giugno 2017

Video: Chiusura La Gabbia, Parla Luigi Di Maio (M5s):




 “E’ un brutto periodo per le forze politiche, ma anche per i giornalisti che si esprimono liberamente. Lei ha tutta la mia vicinanza, perché abbiamo saputo oggi che addirittura chiuderanno il suo programma, come hanno cacciato Giletti dalla Rai perché parlava di vitalizi troppo spesso“. Sono le parole del deputato M5S, Luigi Di Maio, intervistato da Gianluigi Paragone nell’ultima puntata de La Gabbia Open (La7), il talk show politico giunto alla sua definitiva chiusura. ” Qui si vuole annientare tutta quella parte di Paese che prova a dimostrare dissenso verso governi” – aggiunge Di Maio – “E i governi che si sono susseguiti in questi anni hanno governato solo per le grandi lobby di questo Paese”. Nel finale della trasmissione, è Paragone ad annunciare la notizia: “Il mio applauso va alla redazione, a chi ha lavorato con questa produzione, ai produttori. Ringrazio il reg “E’ un brutto periodo per le forze politiche, ma anche per i giornalisti che si esprimono liberamente. Lei ha tutta la mia vicinanza, perché abbiamo saputo oggi che addirittura chiuderanno il suo programma, come hanno cacciato Giletti dalla Rai perché parlava di vitalizi troppo spesso“. Sono le parole del deputato M5S, Luigi Di Maio, intervistato da Gianluigi Paragone nell’ultima puntata de La Gabbia Open (La7), il talk show politico giunto alla sua definitiva chiusura. ” Qui si vuole annientare tutta quella parte di Paese che prova a dimostrare dissenso verso governi” – aggiunge Di Maio – “E i governi che si sono susseguiti in questi anni hanno governato solo per le grandi lobby di questo Paese”. Nel finale della trasmissione, è Paragone ad annunciare la notizia: “Il mio applauso va alla redazione, a chi ha lavorato con questa produzione, ai produttori. Ringrazio il regista, gli operatori, chi da casa ci ha seguito, l’editore. Ringrazio anche il nuovo direttore, Andrea Salerno, anche se La Gabbia non rientra più nei suoi piani editoriali. Va bene così”. E chiosa: “Ci salutiamo. La Gabbia termina qui, nel senso che chiudeista, gli operatori, chi da casa ci ha seguito, l’editore. Ringrazio anche il nuovo direttore, Andrea Salerno, anche se La Gabbia non rientra più nei suoi piani editoriali. Va bene così”. E chiosa: “Ci salutiamo. La Gabbia termina qui, nel senso che chiude qui i battenti. Ha vinto il ciaone e con questo ciaone ci salutiamo”

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento