CANALE YOUTUBE

venerdì 30 giugno 2017

TANTO LO SAPETE COME ANDRÀ A FINIRE " L'EUROPA NON FARÀ NULLA SUL CASO DEI MIGRANTI "

 Estratto di Notizia pubblicata da: ilFattoquotidiano.it

 

 

 

 

Dodicimila migranti arrivati sulle coste italiane negli ultimi giorni, cinquemila quelli fatti sbarcare nella giornata di oggi. E alle minacce del governo di Roma all’Unione europea (“Chiuderemo i porti alle navi non battenti bandiera italiana“), oggi è arrivata una risposta, come al solito solo verbale. Di fatti concreti, al momento, neanche l’ombra. “Da molto tempo siamo convinti che non possiamo abbandonare né l’Italia né la Grecia. Insieme dobbiamo compiere sforzi per sostenere queste due nazioni che sono eroiche” ha detto il presidente del Commissione europea Jean Claude Juncker, nella conferenza stampa al termine del vertice preparatorio del G20 a Berlino.

Parole a cui sono seguite quelle del premier spagnolo Mariano Rajoy: “Concederemo qualsiasi aiuto possibile all’Italia per evitare che si crei una situazione non più gestibile, drammatica“. “Aiuteremo l’Italia, ci sta proprio a cuore questa necessità” ha assicurato la cancelliera tedesca Angela Merkel. “Noi sosteniamo l’Italia e la Francia deve fare la sua parte sull’asilo di persone che vogliono rifugio. Poi c’è il problema di rifugiati economici, e questo non è un tema nuovo: l’80% dei migranti che arrivano in Italia sono migranti economici. Non dobbiamo confondere” ha precisato il presidente francese Emmanuel Macron.

Insomma: al netto di piccole differenze, a parole sono tutti con l’Italia. Ma come? Il governo di Roma da mesi ha chiesto sostanzialmente due cose: sbarchi non solo sulle coste italiane (e greche) e redistribuzione negli altri Paesi Ue dei migranti già presenti, in osservanza degli accordi presi nel 2015. Non altri soldi (come aveva prospettato il commissario per le migrazioni Avramopoulos: “Aumenteremo i fondi per Roma“), quindi, come confermato anche oggi dal premier italiano Gentiloni: “Siamo di fronte a numeri crescenti che alla lunga potrebbero mettere a dura prova il nostro sistema di accoglienza – ha detto il capo del governo – Abbiamo internazionalizzato le operazioni di salvataggio ma l’accoglienza resta di un Paese solo. Questo mette il nostro Paese sotto pressione ma noi abbiamo un aspetto umanitario, di rispetto delle leggi e lo confermeremo – ha aggiunto – Non violiamo le regole o vogliamo rinunciare a un atteggiamento umanitario: siamo sotto pressione e chiediamo il contributo concreto degli europei”. Che al momento, però, non ci sono, se non a parole.




Clicca qui per leggere l'articolo integrale 

Nessun commento:

Posta un commento