venerdì 9 giugno 2017

NOTIZIA DEL GIORNO: SUCCEDE IN SICILIA



ESTRATTO DI NOTIZIA PUBBLICATA DA: http://www.secoloditalia.it/




Ancora una volta per la Sicilia sarà un finale di legislatura molto travagliato, per non dire tragico. Ad affondare il colpo sulla già molto precaria crisi politica dentro e fuori il centrosinistra siciliano, c’ha pensato la Procura di Trapani, indagando, tra gli altri, il presidente della Regione e paladino dell’antimafia, Rosario Crocetta.

 

Le lacrime di Crocetta

Davanti ai cronisti piange, si difende, riavvolge il film della propria vita, e poi passa improvvisamente dalla disperazione alla rabbia, attacca frontalmente il suo assessore alle infrastrutture, Giovanni Pistorio. Un tramonto da cavalleria rusticana in tono davvero molto modesto. Certamente Crocetta mai avrebbe pensato di concludere il suo mandato in tribunale, da indagato per un reato infamante. Per l’appunto l’ex sindaco di Gela è indagato per concorso in corruzione, ed in questi giorni si è recato al palazzo di giustizia di Trapani con il suo avvocato, Vincenzo Lo Re, ed è rimasto per quasi cinque ore nella stanza con i magistrati dell’inchiesta “Mare Monstrum” sul sistema Morace. Un interrogatorio molto lungo, tanto quanto quello dei tre arrestati. In precedenza era stata ascoltata l’ex sottosegretario ai Trasporti Simona Vicari, dimessasi proprio per questa inchiesta.

 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO INTEGRALE 

 

Nessun commento:

Posta un commento