CANALE YOUTUBE

venerdì 26 maggio 2017

Il ritorno all’asse Renzi-Berlusconi spinge Massimo D’Alema a dire che il segretario del Pd ha stravinto le primarie anche perché “non ha detto la verità sul suo progetto: allearsi con Berlusconi. Del resto, il suo modello è House of Cards“.

 

 

 

Estratto di Notizia Pubblicato dal: ilFattoquotidiano.it





Per questo oggi l’ex leader dei Ds dice che la scissione del Pd non solo era “inevitabile”, ma “persino tardiva”. “Meglio prendere il 3 per cento a favore di ciò che si ritiene giusto – spiega al Corriere della Sera – che il 20 a favore di ciò che si ritiene sbagliato. E comunque io credo che lo spazio a sinistra del Pd sia molto più grande”. La scissione, secondo l’ex presidente del Consiglio, “bisognava farla prima”, spiega, “era matura già con il Jobs act. Tutta l’ispirazione politica renziana è contraria ai valori della sinistra e prima ancora agli interessi del Paese. Il renzismo non è stato che il revival del berlusconismo. Meno tasse per tutti. Bonus. Abolizione dell’articolo 18. Financo il ponte sullo Stretto. Mi stupisco che Berlusconi non si rivolga alla Siae per avere i diritti d’autore.

 

 

Clicca qui per leggere l'articolo integrale sul Nazareno 3.0

Nessun commento:

Posta un commento