martedì 18 aprile 2017

News: L’istruzione pubblica, per legge, è gratuita. I genitori invece si vedono chiedere dai 27 ai 200 euro l’anno “per finanziare l’ampliamento dell’offerta formativa”. Pena la mancata iscrizione dei ragazzi ai corsi


Estratto di Notizia Pubblicata da: Fattoquotidiano.it





Il Miur ha chiarito che è una "violazione del dovere d'ufficio subordinare la regolarità dell'iscrizione degli alunni al preventivo versamento" di somme ulteriori rispetto alle normali tasse erariali. In molti istituti però i genitori si vedono chiedere dai 27 ai 200 euro annui pena la non iscrizione dei ragazzi ai corsi. I casi del Luzzatti di Mestre e dell'Istituto comprensivo di Padova, dove è partita anche una denuncia




Nessun commento:

Posta un commento