giovedì 13 aprile 2017

Def: Nel Documento di economia e finanza il governo prevede di ridurre il deficit, nel 2018, all'1,2% del pil. Secondo l'economista ed ex commissario alla spending review Roberto Perotti "non sta né in cielo né in terra". E disinnescare le clausole di salvaguardia è un obiettivo irraggiungibile. Quanto ai 5 miliardi che dovrebbero arrivare dalle privatizzazioni, l'unica speranza è vendere quote delle aziende pubbliche a Cdp: "Fumo negli occhi"

 

 

 

Estratto di Notizia Pubblicata da: Fattoquotidiano.it

  

 

Roberto Perotti, ex consigliere economico del governo Renzi per la revisione della spesa, che a fine 2015 diede le dimissioni spiegando che “non si sentiva molto utile”. “In vista di un anno elettorale un governo debole e senza autonomia come quello di Gentiloni non adotterà mai le misure (tagli di spesa o aumenti di tasse) necessarie per ridurre il disavanzo di un ammontare del genere”, è la previsione del docente della Bocconi. “Ci si può già mettere una pietra sopra. La lotta all’evasione? Non è che da un anno all’altro puoi pensare di ricavare 6 miliardi in più”.

 

 

 

Clicca qui per leggere l'articolo integrale sul Def supercazzola del Governo

Nessun commento:

Posta un commento